Tommy ragazzo raro

“Supponi io sia un lupo. Supponi io sia una foca. Supponi io sia un falco o un aquila…. Supponi io sia un gorilla o un panda. Supponi io sia un orso polare.”

“Essere un animale raro, significa essere importante. Ma sono solo un uomo con una malattia rara. Ed essere raro come me significa essere ignorato”, spiega Tommaso che aggiunge: “andiamo incontro ad un futuro che vedrà un aumento vertiginoso di pazienti affetti da malattie rare. Non devono essere viste sotto forma di virus infestante. Si tratta infatti di mutazioni genetiche che l’uomo ha sempre avuto e sempre avrà; ma è solo grazie alla ricerca scientifica, che è possibile riconoscerle subito. Per questo motivo bisogna sostenere la ricerca”.

 

I commenti sono chiusi